Sport

La furia della Puteolana contro la Lega: “Arbitro inadeguato e rigore inesistente”

Nel day-after del big match contro l’Acerrana, la Puteolana della famiglia Di Costanzo prende una dura posizione contro la Lega. E lo fa in merito alla conduzione arbitrale del sig. Giuseppe Pisano della sezione di Ercolano.

I diavoli rossi recriminano in particolar modo per un calcio di rigore assegnato all’Acerrana per un presunto fallo di Amelio sull’ex Gennaro De Simone, rigore poi neutralizzato dal portiere Pirone. Arbitro definito “inadeguato” da parte della società che si scaglia anche contro la Lega, rea “favorire determinate squadre presenti nel campionato di Eccellenza“.

Il video del rigore, inesistente, concesso al Real Acerrana (clicca qui per vedere il video). Teniamo a precisare che come società abbiamo nulla contro l’Acerrana, anzi difendiamo anche il loro operato, come quello delle tante squadre che come la nostra fanno di tutto per fare calcio in maniera leale. Dobbiamo però sottolineare che per la gara di ieri, un autentico big match della categoria, è stato mandato un direttore di gara che si può comparare unicamente ai colleghi della terza categoria – scrive in una nota la Puteolana.

Ci permettiamo di usare tali toni per quanto visto in campo. Tanta confusione, come nel caso del fallo subito da Alvino nel primo tempo, dove lo stesso arbitro era disorientato e non riusciva a individuare il calciatore da ammonire. Ha palesemente utilizzato due pesi e due misure nel computo delle ammonizioni e le espulsioni. Ha estratto in maniera corretta il cartellino rosso per Vitale, ma non ha utilizzato lo stesso metro per una gomitata a dir poco evidente di un calciatore ospite nei confronti di Puzone.

Vogliamo, e pretendiamo, una risposta dalla Federazione. Cosa dobbiamo fare? Noi non siamo delle marionette e soprattutto meritiamo rispetto, pretendiamo di non essere considerati come una squadra di seconda fascia, con episodi dubbi che ci vengono sempre e sistematicamente fischiati contro. La Puteolana 1902 chiede agli organi della federazione di intervenire subito in questo scenario da commedia napoletana. Noi siamo anche disposti a ritiraci dalla categoria perché è inverosimile rischiare di buttare tutto all’aria per incompetenza e poca chiarezza nel gestire questo campionato.

Non vogliamo pensare che ci sia mala fede ma se questo è il futuro allora vuol dire che la nostra società non è disposta a fare da cavia per nessuno. Un comunicato diretto alla persona del presidente Zigarelli e per l’organo che dirige gli arbitri della categoria. Non tollereremo più nessuna ingiustizia e ora attendiamo un invito nelle sedi opportune, da persone serie e leali quali siamo, per discutere di quanto accaduto“, conclude la nota societaria.

Articoli Recenti

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.