Comuni FlegreiCronacaPozzuoliPrimo Piano

POZZUOLI| Calci e pugni contro l’ambulanza: personale del 118 costretto alla fuga

Nuova aggressione al personale del 118 dell’Asl Napoli 2 Nord, la n.26 dall’inizio del 2023: ecco cosa è accaduto questa notte. L’automedica di Pozzuoli, unitamente alla India di Pozzuoli, è stata allertata per paziente in agitazione psicomotoria con ferita lacerocontusa in codice rosso a via Santa Maria Goretti a Licola.

Una volta giunti sul posto i medici del 118 trovano un uomo in strada che improvvisamente si avvicina all’automedica e inizia a sferrare calci e pugni al finestrino. Il personale del 118 è così costretto alla fuga per mettersi in sicurezza; nel mentre i medici a bordo avvertono la polizia di Pozzuoli.

Solo una volta giunta la volante delle forze dell’ordine gli operatori del 118 si riaccostano al paziente che continua a minacciare il medico protagonista dell’accaduto. Nessun codice rosso, ma codice bianco: il paziente/aggressore aveva un piccolo taglio in testa che non necessitava di sutura. 

A raccontare l’accaduto è Manuel Ruggiero, presidente dell’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate e medico 118 di Pozzuoli, protagonista della triste vicenda. Così scrive Ruggiero sulla sua pagina social: 

E’ successo di nuovo a me! Alle ore 23.05 noi automedica di Pozzuoli, unitamente alla India di Pozzuoli, veniamo allertati per paziente in agitazione psicomotoria con ferita lacerocontusa codice rosso a via Santa Maria Goretti a Licola”. Una volta giunti sul posto troviamo un uomo in mezzo alla strada che sbraita con un telefono in mano, improvvisamente si avvicina all’automedica ed incomincia a sferrare calci e pugni al finestrino lato mio rischiando di mandare in frantumi il vetro”.

A quel punto, il Dr. Ruggiero fa cenno all’autista di scappare per mettersi in sicurezza: “Chiamo la centrale e mi faccio attivare la polizia di Pozzuoli. Giunta la volante della polizia di Pozzuoli ci riavviciniamo al paziente e quest’ultimo, alla mia vista, continua ad inveire nei miei confronti minacciandomi di morte”.

In conclusione: “Alla fine il paziente ha solo un taglietto in testa che non necessita nemmeno di sutura ed ha rifiutato il ricovero, in pratica voleva una medicazione a domicilio, codice Bianco! Quello che mi resta? Tanto rammarico”. 

ADV ADV ADV

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.