AttualitàBacoliComuni FlegreiIn Evidenza

BACOLI| L’Istituto “Paolo di Tarso” premiato ai Campionati Italiani della Geografia

Sabato 23 marzo presso l’Aula Magna dell’I.I.S. “Zaccagna-Galilei” sono stati premiati gli alunni dell’Istituto Comprensivo “1° Paolo di Tarso” di Bacoli, che si sono aggiudicati il primo posto, nella classifica a squadre delle scuole medie, dei Campionati Italiani della Geografia.

La manifestazione, promossa da SOS Geografia, A.I.I.G. e “Zaccagna, ieri e oggi”, con il Patrocinio di Regione Toscana, Provincia di Massa e Carrara, Comune di Carrara, è giunta quest’anno alla sua ottava edizione. 

Circa 2800 studenti di 119 scuole secondarie di primo e secondo grado si sono collegati online, il 14 e 15 marzo scorsi, con l’I.I.S. “Domenico Zaccagna”, per rispondere a 300 quesiti, distribuiti in 10 blocchi tematici inerenti a strumenti della geografia, geografia fisica e umana, difesa dell’ambiente, carte mute, diritti umani, geopolitica, storia delle esplorazioni e bandiere. 

All’ambito premio ottenuto dall’istituto flegreo, diretto dal prof. Francesco Gentile, si aggiunge un brillante terzo posto conquistato nei giochi individuali dall’alunno Vittorio Parziale, risultato peraltro primo nella prova di storia delle esplorazioni. 

Vincitori di specifici blocchi tematici anche gli alunni Flavio Longobardo, Vincenzo Sorrentino, Salvatore Esposito e Giuseppe Ramazio, mentre un ottimo piazzamento in graduatoria guadagna Lorenzo Di Meo

La preparazione degli studenti bacolesi, seguiti in orario curricolare dalle professoresse di lettere Rosaria Scotto di Carlo e Imma Sollo, è stata coordinata dal prof. Francesco Piantedosi che ha accompagnato gli alunni alla cerimonia di premiazione.

A cura di Massimiliano Longobardo

*Pozzuoli News 24 è anche su Whatsapp. E’ sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati. 

Articoli Recenti

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.