AttualitàComuni FlegreiPozzuoliPrimo Piano

Coronavirus a Pozzuoli. Così non va bene: ci sono 2 nuovi contagiati

Stasera (ieri per chi legge ndr) ho saputo che un nostro concittadino è guarito definitivamente. Vi avrei voluto dare solo questa buona notizia. Ma devo comunicarvi che abbiamo anche due contagiati. Così non va bene.
In troppi hanno inteso questa nuova fase come un “tutto è concesso”: tutti in strada, tutti ammassati, in gruppo, a far feste, a correre tra gli altri, ad andare al mare senza alcuna misura per cautelarsi. È tutto vietato, e lo è per la nostra salute. Se continuiamo così ne usciremo massacrati. I contagi aumentano quando dovrebbero essere azzerati.
Un appello lo rivolgo ai più giovani, ma anche agli adulti: la voglia è tanta di fare quello che facevamo, ma non è ora il momento. Si può uscire ma mantenendo distanza e indossando SEMPRE la mascherina.
Un appello a chi è genitore: impariamo a dire dei no ai nostri figli. Non è questo il momento di assecondare la loro legittima voglia di uscire. Tuteliamo la salute di noi tutti.
Non sono privazioni impossibili. Sono gesti d’amore verso ciascuno di noi, per il bene di tutta la comunità. Siamo a pochi metri dal traguardo, non molliamo ora.
Intanto in questi giorni arriveranno nuove unità di forze dell’ordine per i controlli. Ma non voglio che siano le sanzioni il deterrente per capire quanto importante sia la tutela della nostra salute.
Impegniamoci tutti. Ora ed insieme. Dimostriamo la grande comunità che siamo!
” A comunicarlo è il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia.

Oggi sono stati analizzati 20 tamponi. Dall’inizio dell’epidemia sono stati sottoposti 1235 concittadini al test per la ricerca del Coronavirus.
Sono 95 in tutto le persone che hanno contratto il Coronavirus:
-33 persone sono attualmente contagiate
-50 persone sono guarite definitivamente
-12 persone sono decedute

Tag

Articoli Correlati

Back to top button
error

Clicca sull'icona per seguirci su Facebook!

Close

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.