AttualitàComuni FlegreiPozzuoli

POZZUOLI| Bradisismo, la proposta di un’associazione: “Usare i fondi del PNRR per le verifiche sugli edifici”

Sugli sciami sismici che si sono verificati a Pozzuoli nell’ultimo periodo si è pronunciato anche Pasquale Di Fraia presidente dell’associazione “La Primavera Pozzuoli”. Di Fraia, ha fatto riferimento alle verifiche sugli edifici e all’eventuale messa in sicurezza, attraverso l’uso di fondi del PNRR.

“Pozzuoli balla e ultimamente, più del solito. Nessuno può prevedere al 100% se ci saranno altre scosse e quali saranno gli effetti degli sciami sismici avvenuti negli ultimi giorni nei Campi Flegrei. Occorre garantire l’incolumità pubblica. Ma garantire in via preventiva la verifica a tappeto e l’eventuale messa in sicurezza dei fabbricati pubblici ma anche privati per scongiurare effetti disastrosi è possibile e doveroso. 

È necessario un programma di sopralluoghi su tutto il territorio. Gli sciami sismici, con scosse molto forti che ricordano il bradisismo dell’83, hanno generato forti ansie e preoccupazioni. C’è chi non dorme più come prima e chi è rimasto in vacanza. Chi, invece, non ha alternative ed è a casa in attesa di risposte dalla politica e dalla protezione civile. Non si può vivere in queste condizioni di precarietà e incertezze. Urge l’intervento dello Stato. 

Occorrono fondi per effettuare verifiche sugli edifici. Siamo in Europa e i soldi del PNRR devono essere spesi nel modo giusto. Precisamente, la missione 2 prevede la linea “Sicuro, verde e sociale: riqualificazione dell’edilizia residenziale pubblica”, basata sulla necessaria sicurezza per i cittadini che hanno, tra l’altro, il diritto di affrontare al meglio questa situazione di impotenza e precarietà. Noi ci attiveremo restando a disposizione per tutto ciò che possa rendersi necessario” dichiara Di Fraia.

ADV ADV ADV

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.