Comuni FlegreiCronacaPrimo PianoQuarto

Orrore a Quarto: gatto chiuso in una busta e ucciso per soffocamento

Macabro ritrovamento lo scorso giorno in via Casalanno a Quarto. Un volontario dell’associazione “Oasi felina Quarto” ha trovato un gatto senza vita chiuso in una busta e abbandonato per strada. Il povero animale era morto per soffocamento dopo che aveva subito, probabilmente, anche dei maltrattamenti. Un vero orrore che suscita l’indignazione delle persone.

L’associazione “Oasi felina Quarto” ha lanciato un appello alla cittadinanza per un aiuto nel trovare il responsabile della morte del piccolo gatto. Il “mostro”, autore di questa ignobile azione, ha chiuso il povero micio in una busta facendolo morire soffocato per poi abbandonarlo per strada.

L’associazione chiede il supporto dei quartesi, anche con una testimonianza anonima purché si faccia luce sull’accaduto e si individui il responsabile della morte del povero gatto che purtroppo ha avuto la sfortuna di avere a che fare con un individuo ignobile.

“Facciamo un appello ad eventuali testimoni: garantendo il vostro anonimato, aiutateci a risalire al mostro che ha commesso questa atrocità, ce ne occupiamo noi”, scrive inizialmente l’associazione con la speranza di trovare qualcuno che possa aiutarli a identificare l’immondo responsabile.

“Stamattina il nostro risveglio è stato molto doloroso, una volontaria ha trovato il corpo senza vita di un gatto in via Casalanno che è stato torturato e chiuso in una busta, lo stato in cui versa dimostra che è morto soffocato, e con atroci sofferenze.

Tu che hai compiuto questo gravissimo delitto, ancora più grave perché a danni di un indifeso, non devi avere mai pace, devi vivere il resto della tua vita col rimorso di quello che hai fatto, ti auguriamo di avere una coscienza, perché quella ti darà la consapevolezza di ciò che hai fatto, e la tua vita smetterà di avere senso.

Ti auguriamo la stessa sofferenza, sei un mostro, di quelli che possono colpire tutti, anche gli esseri umani, perciò state attenti, guardatevi le spalle se lo frequentate perché potrebbe farvi del male da un momento all’altro. Indagheremo e ti troveremo e tutti sapranno che sei un mostro”, aggiunge l’associazione.

*Pozzuoli News 24 è anche su Whatsapp. E’ sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati. 

Articoli Recenti

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.