AttualitàComuni FlegreiIn EvidenzaPozzuoli

Domani sera saranno riaccese le luci sul Tempio di Serapide

Domani sera, venerdì 7 agosto, verranno riaccese le luci sul Tempio di Serapide/Macellum di Pozzuoli con uno spettacolo, organizzato dall’ATI Macellum, dal titolo Overture, verso il Mediterraneo e oltre, una coreografia composta da luci, laser, proiezioni e musica per segnalare la prossima apertura al pubblico del sito archeologico che per secoli è stato luogo di incontri e di scambi, non solo commerciali, tra mondi ed etnie diverse provenienti dalle varie provincie dell’impero.

Ne danno annuncio il Parco Archeologico dei Campi Flegrei e l’amministrazione comunale di Pozzuoli. Lo spettacolo di luci e suoni avrà inizio all’imbrunire e durerà fino alla mezzanotte. Attraverso una selezione di brani strumentali rivivranno al suo interno le culture ed i suoni del Mediterraneo interpretati da noti artisti campani. A quanti volessero assistere all’evento dalle aree esterne che delimitano il sito è raccomandato di utilizzare la mascherina di protezione, mantenere il distanziamento sociale e non creare assembramenti.

Lo spettacolo con la diffusione delle musiche d’artista sarà ripetuto l’8 agosto e il 25 e 26 settembre.
Il Macellum-Tempio di Serapide illuminato di notte è per noi motivo di orgoglio – ha dichiarato il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia –. Il sito, come tutti sanno, è non solo una grande testimonianza storica e archeologica, ma è un simbolo di Pozzuoli, conosciuto in tutto il mondo. Ecco perché tutto quello che si fa per esaltarne la bellezza è sempre ben accetto e si spera duri nel tempo. Il Macellum avvolto in uno straordinario gioco di luci e colori diventa ancor più un luogo di attrazione e rappresenta per noi un elemento essenziale dell’azione di valorizzazione del territorio che stiamo mettendo in campo, spesso grazie anche alla sinergia tra pubblico e privato“.

Articoli Correlati

Back to top button
Close

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.