AttualitàBacoliComuni FlegreiIn EvidenzaMonte di ProcidaPozzuoliQuarto

Coronavirus, cosa si può fare e cosa no? Ecco tutte le regole da seguire

Ci sono nuove norme per combattere l’avanzata del Coronavirus e i comportamenti individuali sono stati ulteriormente limitati. Chi non rispetta le disposizioni sarà denunciato in base all’articolo 650 del codice penale e per reati legati alla tutela della salute pubblica.

Qui un elenco di regole da osservare necessariamente, almeno fino al 25 marzo 2020, come disposto dal Dpcm.

Non è possibile uscire di casa se non in casi stabiliti.

  • Si può uscire di casa soltanto per motivi strettamente legati al lavoro, alla salute e alle normali necessità, come assistere persone appartenenti alle fasce deboli, fare la spesa o acquistare medicinali.
  • Per muoversi, anche a piedi, sarà sempre necessario giustificare il motivo dello spostamento sull’apposito modello di autocertificazione. I controlli delle forze dell’ordine potranno essere effettuati anche successivamente.
  •  Non si può uscire ad esempio per fare una passeggiata o per fare attività motoria. Sono chiusi i parchi pubblici: Villa Avellino, l’Oasi di Montenuovo e il Parco Urbano Attrezzato di via Vecchia delle Vigne.
  •  È necessario restare nel Comune di residenza. Gli spostamenti da Comune a Comune sono esclusivamente consentiti per motivi di lavoro o di salute o per stato di necessità e dovranno essere giustificati dal modello di autocertificazione.
  •  I negozi di generi alimentari e i supermercati non chiudono, anzi, continueranno ad essere aperti, ed è possibile frequentarli normalmente, con le normali precauzioni e distanze di sicurezza per evitare il contagio. I gestori devono regolare gli ingressi. Può andare una sola persona per nucleo familiare evitando affollamenti.
  •  Restano aperti solo farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari. Sono aperti anche tabaccai, punti fornitura benzina, edicole, banche e uffici postali, servizi assicurativi, autofficine, gommisti, centri di revisione auto, ferramenta e tutte le attività artigianali (ad eccezione di quelle legate alla ristorazione, barbieri, parrucchieri e centri estetici). Tutti gli esercizi, con esclusione di farmacie e parafarmacie, hanno l’obbligo di chiusura alle ore 20:30.
  •  È vietato andare a trovare amici e familiari a meno che non ci siano gravi motivi; e comunque, nel caso, bisogna mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro. Vietate cene e feste anche a casa e qualsiasi tipo di assembramento sia al chiuso sia all’aperto.
  •  Chiusi i centri commerciali che dovranno però consentire l’accesso ai supermercati interni. Anche gli esercizi di media e grande distribuzione che vendono generi non alimentari sono chiusi.
  •  Bar, ristoranti, pizzerie, pub, gelaterie, pasticcerie sono chiusi. Secondo l’ordinanza regionale, non è possibile effettuare nessuna altra attività, nemmeno la consegna a domicilio.
  •  Nessun blocco dei trasporti. Aerei, treni, bus ed auto viaggiano (sempre rispettando le regole che limitano gli spostamenti a quelli consentiti). Sarà normale incontrare su autostrade, strade, aeroporti e stazioni dei posti di blocco e di controllo delle forze di polizia che acquisiranno le autocertificazioni che giustificano i movimenti.
  • Nessuno stop per merci, camion e corrieri: nei nostri negozi arriverà tutto normalmente.
  •  Niente scuole e università fino al 3 aprile: sospese tutte le attività didattiche.
  • Chi è in quarantena ha il divieto assoluto di uscire di casa.
  •  È stato attivato un numero della protezione civile comunale per l’assistenza domiciliare per anziani non autosufficienti e disabili che hanno bisogno della spesa o dell’acquisto di farmaci. Il numero, attivo tutti i giorni dalle ore 8 alle ore 22, è il seguente: 08118894406.
  • Sono chiusi: teatri, musei, scuole di ballo, centri sociali, centri per anziani, sale giochi e bingo, sale scommesse, discoteche, cinema, biblioteche e qualsiasi altro luogo di cultura. Vietati anche eventi privati.
  •  Sospesi le fiere settimanali di Monterusciello e Rione Toiano, la fiera giornaliera di via Roma, il mercato al dettaglio di via Fasano. Restano attivi i mercati all’ingrosso Ittico e dell’Ortofrutta.
  • Chiusi i negozi di barbiere, parrucchiere e centri estetici.
  • Chiuse le palestre, le piscine, i centri benessere, tutti gli impianti sportivi pubblici o privati.
  •  Stop a eventi sociali, congressi, manifestazioni e meeting di ogni tipo.
  •  È possibile differire le terapie presso i centri di riabilitazione per soggetti disabili senza che ciò comporti decadenza dal diritto alla prestazione.
  •  Sono sospese tutte le cerimonie religiose, compreso i funerali.
  • Negli uffici comunali che erogano servizi essenziali o che non possono essere sospesi – come registrazione nascite e morte, ricevimento e inumazione salme presso il civico cimitero, interventi assistenziali per persone non autosufficienti e minori, pronto intervento del servizio acquedotto per gravi perdite, rilascio certificati, ufficio protocollo, servizi di polizia municipale – gli accessi sono consentiti a due persone alla volta e sempre nel rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro negli uffici. Per tutti gli altri servizi, solo in casi di effettiva e documentata necessità, le modalità di interazione con gli uffici comunali saranno quelli della prenotazione telefonica o della comunicazione a mezzo posta elettronica.
  • Si ferma tutto lo sport aperto al pubblico, svolto in impianti pubblici o privati

Articoli Correlati

Back to top button
error

Clicca sull'icona per seguirci su Facebook!

Close

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.