AttualitàComuni FlegreiIn EvidenzaQuarto

QUARTO| “Cessate il fuoco”, lo striscione sul balcone del Comune per dire stop alla guerra

“Cessate il fuoco”. Il Comune di Quarto espone lo striscione pacifista sul balcone degli uffici comunali che danno su piazzale Europa, per dire stop alla guerra.

Lo stendardo è stato realizzato dall’organizzazione “Quartoscenico” utilizzato sul palco, sabato 23 marzo, al Teatro Corona, con inciso il messaggio di pace: “Cessate il fuoco”. Oggi lo striscione è stato donato all’Amministrazione comunale affinché con un’unica voce si gridi di interrompere i conflitti in corso nel mondo.

“Dal teatro al comune, affinché, diventi qualcosa di più grande, perché il dovere della cultura è proprio quello di proporre, talvolta, anche attraverso una forma di resistenza perché a quanto pare, in un momento storico così violento, la reale rivoluzione è essere persone di pace”, fa sapere l’associazione.

“L’amministrazione – aggiunge Quartoscenico – ha accolto il nostro dono, certi che ne farà un uso esemplare, perché tutti noi abbiamo il dovere di opporci al massacro che causano le guerre e gridare forte che vogliamo vivere in pace”.

Ma le iniziative del Comune di Quarto contro la guerra non finiscono qui. L’obiettivo è di riempire la cittadina con slogan di pace, chiedendo la collaborazione delle attività commerciali, della Chiesa, degli enti pubblici e privati e dei singoli cittadini.

Così annuncia il sindaco di Quarto Antonio Sabino: “Quello che sta accadendo a Gaza non può più essere taciuto. Ognuno può affiggere, fino al 25 aprile, un piccolo o grande striscione con la scritta “cessare il fuoco” affinché arrivi forte e coeso il grido di un’intera città che fonda i propri principi sulla pace tra i popoli. L’umanità senza pace è sempre in pericolo!”.

*Pozzuoli News 24 è anche su Whatsapp. E’ sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati. 

Articoli Recenti

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.