AttualitàComuni FlegreiPozzuoliPrimo Piano

Pozzuoli alta senz’acqua: da ieri sera rubinetti a secco

Torna il guasto all’acquedotto di Napoli. Da ieri sera l’intera zona di Pozzuoli alta è senz’acqua potabile per lavori urgenti di manutenzione alla conduttura.

L’interruzione idrica interessa le seguenti utenze ubicate nella parte alta di Pozzuoli: via San Gennaro Agnano, via Solfatara fino all’altezza di via Oriani, via Vigna, via Coste d’Agnano e relative traverse, via Vecchia delle Vigne, viale Bognar, viale degli Aranci, viale villa Bianca e relative vie secondarie.

La società competente ha stimato che la regolare ripresa del servizio potrà avvenire intorno alle 13 di oggi 5 luglio. Per urgenti esigenze sono state allestite dalle ore 8 di questa mattina due autobotti di acqua non potabile. 

“La prima sarà ubicata in via San Gennaro Agnato altezza civico 84 (Parco Quattro pini) e la seconda in via Solfatara all’incrocio con via coste d’agnato (altezza entrata vulcano solfatara). Seguiranno aggiornamenti”, fa sapere in una nota il Comune di Pozzuoli

Aggiornamento: “La società erogatrice ha comunicato che le lavorazioni situate in Via Terracina, nel territorio del Comune di Napoli, continuano e che, a causa di alcuni imprevisti, l’erogazione potrà essere ristabilita per le ore 20.00. Le zone interessate dalla carenza idrica sono quelle indicate dalla precedente comunicazione. Il Servizio Ciclo Integrato delle Acque è in costante contatto con la società di Napoli e fornirà ogni aggiornamento appena possibile“, si legge nella nota del Comune di Pozzuoli.

E, ancora: “Ricordiamo che per eventuali urgenti esigenze, sono presenti due autobotti di acqua non potabile e non adatta al consumo: la prima ubicata in via San Gennaro Agnano altezza civico 84; la seconda in via Solfatara all’incrocio con via coste d’Agnano. Ci scusiamo per il disagio”.

Articoli Recenti

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.