AttualitàComuni FlegreiPozzuoli

Uniti per Pozzuoli risponde a Musumeci: “Mille sfollati a spese del Comune, ecco cosa chiediamo al Governo”

L’associazione politica culturale “Uniti per Pozzuoli“, risponde al ministro Musumeci, che in questi giorni ha scaricato ai sindaci flegrei alcune delle responsabilità per le criticità del bradisismo.

Apprendiamo dai media che il ministro Musumeci bacchetta i sindaci dei territori – scrive l’associazione in una nota – affermando che non servono solo i soldi, ma la consapevolezza del bradisismo. Vorremmo ricordare al ministro, che a prescindere dai colori politici, Pozzuoli ha subito la trasformazione del Rione Terra da quartiere vivo a un quartiere fantasma, ha subito la costruzione del quartiere del Rione Toiano, ha subito la realizzazione di Monterusciello, dove ci sono ancora 600 alloggi che dovevano essere solo temporanei, ma che sono rimasti lì, abitati, da sempre. La costruzione di questi quartieri è solo ed esclusivamente opera dello Stato“.

Elencando le difficoltà di questo periodo, il comunicato continua: “Vorremmo ricordare al ministro che ad oggi ci sono oltre mille sfollati che, a spese del bilancio comunale, stiamo cercando, a fatica di sistemare. Il consiglio comunale metterà a disposizione per le emergenze tutto ciò che può, anche con varianti di bilancio, anche rinunciando alla Tari (che, come saprà il ministro, è utile nei conti di un ente locale). Dal governo ci aspettiamo almeno il diritto allo studio, la presa di consapevolezza che non possiamo lasciare centinaia di alunni con doppi turni, tutti stipati in una scuola, presumibilmente sicura. Dal governo ci aspettiamo non un nuovo quartiere, ma che si mettano in sicurezza le case legittime che abbiamo“.

*Pozzuoli News 24 è anche su Whatsapp. E’ sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati. 

ADV ADV ADV

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.