AttualitàComuni FlegreiPozzuoliPrimo Piano

ULTIM’ORA. Scossa di magnitudo 2.0: trema la terra a Pozzuoli

L’Osservatorio Vesuviano ha comunicato all’amministrazione comunale di Pozzuoli l’accadimento di un evento sismico di magnitudo 2,0  ± 0,3 localizzato sul fianco esterno NE della Solfatara. Il sisma si è prodotto alle 13:11, ora locale, alla profondità di 2,1 km. L’evento potrebbe essere stato accompagnato da boati avvertiti dagli abitanti dell’area prossima all’epicentro.

L’amministrazione ribadisce il divieto assoluto di avvicinamento all’area di emissione di fluidi di Pisciarelli per il pericolo di emissioni di fango ad alta temperatura. Da una prima ispezione effettuata nell’area epicentrale da parte della Polizia Locale  non sono stati rilevati effetti significativi né sono pervenute segnalazioni di danni o disagi da parte della popolazione all’Ufficio di Protezione Civile.

Maggiori informazioni sui fenomeni in atto e sull’evoluzione del bradisismo di sollevamento che sta interessando da diversi decenni il territorio comunale, possono essere trovate sul sito dell’Osservatorio Vesuviano – INGV (http://www.ov.ingv.it/ov/).

Si ricorda alla popolazione che dal 2012 il Dipartimento Nazionale di Protezione ha elevato il livello di allerta vulcanica dei Campi Flegrei da verde a giallo attivando contestualmente il primo livello di fase operativa (fase di attenzione). L’attivazione della fase operativa di attenzione ha comportato il rafforzamento del monitoraggio scientifico e delle attività di pianificazione e prevenzione. Si sottolinea che l’Amministrazione Comunale insieme all’ufficio di Protezione Civile del Comune di Pozzuoli segue in tempo reale l’evolversi dei fenomeni in raccordo con l’Osservatorio Vesuviano per garantire alla cittadinanza un completo aggiornamento sulle dinamiche in corso.

Tag

Articoli Correlati

Back to top button
error

Clicca sull'icona per seguirci su Facebook!

Close

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.