AttualitàBacoliComuni FlegreiIn Evidenza

BACOLI| Nuovo stop al varo e l’alaggio sul porto di Baia, Della Ragione: “Non consentiremo di paralizzare la città”

Continua la querelle tra il TAR e il sindaco di Bacoli Josi Della Ragione sul divieto di varo e alaggio delle grandi barche al porto di Baia. Il primo cittadino bacolese ha nuovamente imposto lo stop per i prossimi giorni, h24.

Dopo la “sospensione” dell’ordinanza emanata lo scorso gennaio dal sindaco di Bacoli, quest’ultimo non ha intenzione di “cedere”. “Non arretrerò di un millimetro fino a quando sarò sindaco di Bacoli tutelerò, sempre, i diritti del popolo. Non vi consentiremo di paralizzare la città”, afferma Della Ragione.

Il sindaco di Bacoli, ancora una volta, sottolinea le conseguenze potenzialmente pericolose del transito di grandi barche tra le strade cittadine, ricordando l’importanza di tenere libere le vie di fuga. Non è più possibile, secondo il primo cittadino, permettere il passaggio di 10mila trasporti eccezionali di barche in strada all’anno.

“E’ un affronto contro l’incolumità pubblica – spiega il sindaco bacolese – in una terra che vive la recrudescenza del bradisismo, che vuole imparare a convivere su una caldera, segnata dal lento e costante movimento del suolo. E, per farlo, deve avere le vie di esodo e le vie di fuga libere”.

Sulla “bocciatura” del Tar della Campania, Della Ragione dichiara: “Rispetto profondamente le istituzioni e per quanto deciso dal giudice. Ma tra la tutela di un bene di lusso e la salvaguardia della vita di migliaia di persone, io combatterò sempre per la seconda. A Bacoli dovete arrivarci via mare. Varate le barche in altri punti della Campania, d’Italia ed arrivate qui, o sulle isole, non passando dal porto di Baia”.

*Pozzuoli News 24 è anche su Whatsapp. E’ sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati.

ADV ADV

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.