AttualitàComuni FlegreiPozzuoliPrimo Piano

Settima vittima del Coronavirus a Pozzuoli: i contagiati salgono a 66

Sono stato informato che nella giornata del 15 aprile un cittadino puteolano è risultato positivo al test del coronavirus.
Nella nostra città, dall’inizio dell’epidemia ad oggi, salgono a 66 le persone che hanno contratto il Covid. Di queste 55 sono attualmente contagiate (2 ospedalizzate e 53 in isolamento domiciliare), 4 guarite definitivamente e 7 decedute (un decesso di questi è avvenuto nella giornata di domenica ed il tampone è stato registrato nella giornata del 14 aprile, tra i 4 contagiati che vi ho annunciato ieri).
Sono giorni intensi per la nostra città, per le istituzioni e per i laboratori in cui si lavorano i tamponi Covid. Ho chiesto all’Asl di inviarmi un quadro dettagliato del numero di test effettuati giornalmente, così da porterli comunicare a voi tutti, come ho fatto fino a giorno 11 aprile. Aspetto tali dati, pur considerando che in questo momento la mole di lavoro dell’Asl Na 2 Nord, che serve 32 Comuni, potrebbe causare dei ritardi senza consentire immediatamente un quadro dettagliato.
In questo momento, mentre vi comunico il consueto bollettino, sono in riunione con gli altri sindaci flegrei per monitorare la vicenda del Santa Maria delle Grazie e verificare tutte le misure di prevenzione che sono state adottate all’interno del nosocomio.
È una battaglia che abbiamo intrapreso insieme, e che così porteremo avanti.
In difesa del personale sanitario ed ospedaliero, dei ricoverati, delle loro famiglie e di ogni singolo cittadino.
Una battaglia in una guerra più grande, quella contro il coronavirus.
Stiamo combattendo tutti, ciascuno per la propria parte. E vinceremo.
Voi tutti continuate ad usare la migliore arma in vostro possesso: STARE A CASA! Sono sicuro che così ce la faremo!
” A comunicarlo è il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia.

Articoli Correlati

Back to top button
error

Clicca sull'icona per seguirci su Facebook!

Close

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.