Comuni FlegreiCronacaPozzuoliPrimo Piano

POZZUOLI| Vandalizzata la biglietteria del Tempio di Serapide, i messaggi di solidarietà dei consiglieri e delle associazioni

Nella notte tra sabato e domenica la biglietteria del Tempio di Serapide a Pozzuoli gestita da Ati Macellum ha subito un atto vandalico. Alcuni delinquenti hanno rotto con un sasso il vetro della porta d’entrata dell’info point. Per tale motivo l’attività è stata anche chiusa per una giornata.

Si tratta di un triste episodio, considerando che è stato recato danno a un luogo di cultura. La brutta azione è stata condannata da alcuni consiglieri della città flegrea e sempre questi, insieme ad alcune associazioni hanno inviato un messaggio di solidarietà.

“La scorsa notte l’infopoint del nostro amato Macellum-Tempio di Serapide è stato oggetto di un vile atto vandalico. Un episodio gravissimo in seguito al quale si è resa necessaria la chiusura del sito, cuore pulsante della nostra Pozzuoli, per un giorno. Esprimo tutta la mia solidarietà e vicinanza all’ATI Macellum. Gesti del genere causano un danno non soltanto a quanti sono direttamente impegnati sul territorio per far conoscere il nostro patrimonio archeologico, ma all’intera cittadinanza puteolana. Rivolgo un invito a tutti i lavoratori impegnati nella salvaguardia e nella promozione delle bellezze del nostro territorio: non fermatevi, i cittadini e le istituzioni sono al vostro fianco. Negli scorsi anni è stato messo in campo, con impegno e dedizione da parte di tutti, un grande lavoro per restituire lustro all’inestimabile patrimonio archeologico di Pozzuoli che deve essere portato avanti. Auspico che si faccia al più presto chiarezza sul grave accaduto e che si lavori affinché episodi del genere non si ripetano più” è il messaggio del consigliere Vincenzo Figliolia.

Su quanto accaduto alla biglietteria del sito archeologico si è soffermato anche il consigliere Paolo Ismeno: “Non posso non esprimere vicinanza all’ATI Macellum gestori dell’info point/biglietteria per Tempio di Serapide dopo il vile atto di danneggiamenti alla struttura a supporto della loto attività . Mi fa piacere sentire con forza la volontà degli stessi (non avevo dubbi conoscendoli) di non fermarsi e di continuare nello svolgere un compito importante che da tempo ha portato ad una valorizzazione di un sito archeologico sempre poco considerato. Avanti con forza e determinazione per la valorizzazione del nostro patrimonio culturale . Un abbraccio forte con ammirazione e stima”.

Ai messaggi si è accodato anche il consigliere Guido Iasiello, che ha ricordato, inoltre, l’episodio accaduto alcune sere fa ad un camion della ‘De Vizia’: “Esprimo solidarietà e vicinanza ai gestori dell’ATI Macellum per quanto accaduto all’Info Point, situato sul Tempio di Serapide, che ha subito molti danni ad opera di ignoti. Dopo l’increscioso episodio subito l’altra notte da operatori della De Vizia, stanotte un altro episodio, sicuramente di matrice diversa, ha violato chi ogni giorno cerca di far conoscere la nostra cultura ed il nostro territorio! È sempre più necessario un serrato confronto con il Prefetto di Napoli affinché si possa intensificare, per la nostra Città, un controllo maggiore da parte delle forze dell’ordine, anche per i tantissimi furti che, da mesi, stanno avvenendo, sempre più frequenti, nelle case dei Puteolani”.

Oltre ai consiglieri anche alcune associazioni culturali hanno espresso la loro vicinanza ai gestori dell’ Ati Macellum. “Siamo dispiaciuti per quanto accaduto all’ Ati Macellum, un’insieme di persone da sempre impegnate nella valorizzazione e promozione del territorio. Chi lavora pro-luogo, lavora per migliorare, non solo se stesso, ma l’intera comunità. Perciò tali atti vanno duramente condannati dalla città flegrea, in quanto contrari ai valori che animano la comunità come la solidarietà, il rispetto reciproco e della dignità di ciascuna persona! Auguriamo ai nostri amici di continuare a lavorare pro-luogo con l’amore e la tenacia che li distingue da sempre” questo, il messaggio dell’associazione Guide Flegree.

Infine, un messaggio di solidarietà proviene anche da Bacoli attraverso l’associazione Misenum: “L’associazione Misenum si unisce al grido di vergogna verso coloro che hanno compiuto un tale atto, forse una bravata di ragazzi ma non per questo meno grave. Sicuri della tenacia e della voglia di non arrendersi delle sorelle Caputi e di tutta l’Ati Macellum inviamo la nostra solidarietà. Forza e coraggio che non siete sole”.

Tag

Articoli Recenti

Back to top button
Close

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.