Comuni FlegreiCronacaPozzuoliPrimo Piano

POZZUOLI| Forte scossa di terremoto, cadono calcinacci dalla torre dell’ex Sofer: residenti in strada – LE FOTO

In seguito alla scossa di terremoto di magnitudo 4.0 di questa sera, a Pozzuoli alcuni residenti si sono impauriti in seguito alla caduta di alcuni calcinacci dalla torre dell’ex Sofer. Gli stessi residenti hanno avvertito le e autorità e il sindaco Gigi Manzoni che subito si sono recati sul luogo.

I residenti, per la paura, sono scesi per strada. Sul posto oltre al sindaco Gigi Manzoni erano presenti anche alcuni consiglieri, la Polizia di Stato, la Polizia Municipale, la Protezione Civile e i vigili del fuoco. Una sera movimentata che ha svegliato anche qualche cittadino (clicca qui per vedere il video).

“In seguito alla scossa sono caduti dei calcinacci dalla torre dell’ ex Sofer ed è pericolante. Abbiamo chiamato i vigili del fuoco, la Protezione Civile ed è venuto anche il sindaco che stanno vedendo come è la situazione”, fa sapere un residente di via Annecchino.

“Delle persone sulla strada hanno visto dei calcinacci che cadevano dalla struttura dell’ex Sofer e stesso la forte oscillazione del terremoto ha fatto cadere parecchi calcinacci quindi hanno avvertito subito le autorità che sono intervenute sul posto ed ora stanno facendo dei controlli pr capire la tempistica per abbatterla”, dichiara un altro residente sceso in starada.

“Stiamo facendo un monitoraggio su tutto il territorio. C’è questa criticità che ci hanno segnalato ma dai primi riscontri che ho avuto con l’EAV che si sta adoperando con delle strumentazioni non risultano inclinazioni o rilevazioni importanti. Naturalmente tra poco verranno a fare un sopraluogo. Questo è un torrino che stiamo monitorando da diverso tempo e nei prossimi mesi sarà abbattuto”, dichiara il sindaco Gigi Manzoni intervenuto sul posto.

LE FOTO

ADV ADV ADV

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.