AttualitàComuni FlegreiPozzuoliPrimo Piano

MONTERUSCIELLO| Case popolari: tra infiltrazioni, muffa e umidità

A Monterusciello i residenti delle case popolari, in particolare quelli dei 600 Alloggi, chiedono un’aiuto da parte del Comune per risolvere il problema della muffa, delle infiltrazioni d’acqua e dell’umidità. A raccogliere le segnalazioni sono stati i ragazzi di Potere al Popolo di Pozzuoli.

“Come Potere al Popolo siamo in contatto con diversi cittadini e cittadine che abitano in alloggi popolari, in particolare nei 600 alloggi. In questo periodo l’inadeguatezza strutturale degli edifici ha raggiunto il culmine: molte persone si trovano a dover vivere in condizioni allucinanti con infiltrazioni non indifferenti, muffa e umidità. Condizioni che causano anche malattie respiratorie, soprattutto quando a viverci sono delle persone anziane – spiega Andrea Ponticelli, portavoce di Potere al Popolo – gli alloggi in questione sono a gestione comunale, quindi la manutenzione straordinaria, e parte dell’ordinaria, spetta all’Ente Comunale, ma questa non arriva mai se non con dei rattoppi e soprattutto in periodo elettorale.

Ci hanno scritto diversi abitanti inviandoci delle segnalazioni e per l’interesse delle persone che abitano in queste case e che subiscono queste condizioni, la loro denuncia più viene diffusa meglio è. Per questo ci uniamo alle rivendicazioni degli abitanti: c’è bisogno di un intervento urgente e generalizzato. Pozzuoli ha bisogno di un piano di ricostruzione e ripristino delle case popolari e alle persone che vivono le condizioni peggiori va assolutamente assegnato un altro alloggio nel più breve tempo possibile”.

A quanto pare queste abitazioni non ricevono una manutenzione da diverso tempo e alcuni cittadini, con anziani in casa, sono preoccupati per le condizioni in cui versano gli edifici.

  • monterusciello case popolari infiltrazioni muffa umidità

Tag

Articoli Recenti

Back to top button
Close

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.