Sport

Il Rione Terra Volley corre come un treno: a Pomigliano arriva la quarta vittoria consecutiva

Il Rione Terra Volley fa il suo dovere battendo 3-0 il Pomigliano e coglie il quarto successo consecutivo. Come da pronostico della vigilia, tutto facile per la squadra allenata da coach Costantino Cirillo contro il Pomigliano, fanalino di coda del girone H1: doppio 25-14 e 25-22 per i puteolani. Altri tre punti, fiducia e tanto entusiasmo per il Rione Terra in vista della super sfida del 7 aprile al PalaErrico (ore 21:00) con la corazzata Marcianise che chiude la prima fase del campionato di serie B.

Il Rione Terra fin dai primi scambi mette le cose in chiaro: la determinazione degli attacchi di capitan Conte, partito titolare al posto di Vacchiano, è cpagni mette subito in difficoltà i giovanissimi del Pomigliano. 5-1 in avvio poi è 14-6 con Calabrese. Il ritmo dei gialloblu è alto per i padroni di casa, 20-10, poi il set si chiude sul 25-14. Stessa musica nel secondo parziale, dove c’è spazio anche per il centrale Luigi Puglia, giovanissimo della ‘cantera’ Rione Terra, tra i protagonisti dell’incontro, cosi come l’altro canterano, il palleggiatore Max Mueck: 11-5 per i gialloblu, 18-10 con Giacobelli a segno dalla battuta, poi c’è il 25-14 che mette in ghiaccio il match.

Il terzo set è quello più equilibrato, complice un calo mentale dei flegrei. Dal 15-7 Rione Terra i giovani del Pomigliano hanno un sussulto. Cala la verve dei puteolani ed il divario si assottiglia 22-17 ma sono Puglia e Giordano per i flegrei a togliere le castagne dal fuoco e chiudere la sfida sul 25-22. Da segnalare, infine, tra le fila del Rione Terra, l’esordio del classe 2003 Alessandro Valentino, altra buona notizia per il club del presidente Giovanni Coratella.

Tag

Articoli Correlati

Back to top button
error

Clicca sull'icona per seguirci su Facebook!

Close

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.