Area MetropolitanaCronaca

Maltratta e controlla la moglie con un GPS nascosto nell’auto: in manette un 30enne

Questa notte a Napoli i militari della stazione di Portici hanno arrestato in flagranza differita per maltrattamenti in famiglia un 30enne di Ponticelli. I carabinieri, allertati dal 112, sono intervenuti in un appartamento di Portici dove c’era una donna, una 26enne, che aveva chiesto aiuto. Grazie alle dichiarazioni della vittima i militari sono riusciti a ricostruire l’intera vicenda.

Da circa un anno la donna subiva maltrattamenti fisici, insulti e minacce che non aveva mai denunciato per amore dei propri figli di 8 e 4 anni. L’ultimo episodio aveva convinto la 26enne a trasferirsi in un’altra abitazione ma questo non aveva evitato che l’uomo la raggiungesse. Poco prima, infatti, il 30enne era entrato nel nuovo appartamento e aveva prima aggredito la donna per poi impossessarsi con violenza di una collana che la vittima aveva al collo.

I carabinieri hanno raggiunto il marito violento nella sua abitazione di residenza e lì lo hanno bloccato e arrestato. Dalle indagini è emerso come l’uomo avesse nascosto un GPS nell’auto che la propria moglie utilizzava. Il sistema satellitare era attivo e il 30enne poteva seguire ogni spostamento della vittima grazie a un’app sul proprio smartphone. Le possibilità di sfuggire o di avere una vita sociale erano prossime allo zero. Sul telefono della vittima i diversi massaggi ricevuti dal proprio marito contenenti minacce di morte che hanno consentito ai carabinieri di effettuare l’arresto in differita.

*Pozzuoli News 24 è anche su Whatsapp. E’ sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati.    

ADV ADV

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.