AttualitàBacoliComuni FlegreiIn EvidenzaPolitica

Decreto Campi Flegrei, Della Ragione risponde a Musumeci: “Vogliamo i fatti, i fondi previsti non bastano”

In seguito al Consiglio dei Ministri di ieri che ha approvato il decreto legge Campi Flegrei, il sindaco di Bacoli Josi Della Ragione ha risposto così alle parole del Ministro per la Protezione civile Nello Musumeci che ha duramente attaccato i sindaci flegrei e il presidente della Campania Vincenzo De Luca.

“Cosa penso delle nuove polemiche del Governo sul bradisismo? Nulla. Non mi interessano. So solo che qui, nei Campi Flegrei, abbiamo famiglie che non possono più dormire nelle proprie case. Donne e uomini, anziani e bambini, che meritano azioni concrete. Non chiacchiere in libertà. Ma fatti. Da Roma vogliamo i fatti. Ci vogliono i soldi veri per mettere in sicurezza le case lesionate dal bradisismo. Non elemosine, e a oggi, i fondi previsti non bastano”.

“Soldi per mettere in sicurezza le strutture pubbliche – aggiunge il sindaco – per realizzare nuove strade, nuove infrastrutture e sottoservizi, per mettere in sicurezza i costoni. Ad oggi, ci vengono concessi fondi che già ci spettavano. Ce ne vogliono altri. Perché il bradisismo è un fenomeno che, in Italia, esiste solo qui. E va affrontato con serietà. Non a colpi di spot e accuse”.

“Non è accettabile che ogni volta che un’emergenza naturale avviene qui da noi, si trascorra il tempo a riempirci di insulti. A chiamarci abusivi, a definirci delinquenti ed irresponsabili. Anziché dare subito risposte. Roma dia risposte. Perché i Campi Flegrei non hanno bisogno di un Governo che trascorre il tempo a cercare fantomatici colpevoli. Ma di chi agisca per rendere il nostro territorio più resiliente, resistente”, conclude Della Ragione.

*Pozzuoli News 24 è anche su Whatsapp. E’ sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati. 

ADV ADV ADV

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.