AttualitàBacoliComuni FlegreiPozzuoliPrimo PianoSport

SSC NAPOLI| Kvara e non solo…si parte sempre da Pozzuoli

Il mondo di Kvara77. E non solo, Castel Volturno, lì dove ormai c’è solo il centro tecnico del Napoli, e l’attiguo club del golf domiziano. Nessun calciatore abita nei dintorni, di “Castello”, così come lo chiamano gli habitué di casa Napoli, dal 2006 a oggi. C’erano una volta Gargano, capitan Marek Hamsik e Santacroce, a un tiro di schioppo dalla pineta che porta alla spiaggia domizia. Quasi tutto il Napoli oggi sceglie l’area flegrea e soprattutto il litorale giuglianese, lì da dove è facilmente raggiungibile il Konami Training Center. 

Così anche Kvara77 ha trovato il suo buon ritiro nella quiete della zona che conduce a Licola, da Monterusciello, frazione di Pozzuoli. Una villa in un parco privato, con ampio giardino e vista mozzafiato, e un tuttofare che conosce il georgiano a disposizione del classe 2001 del Napoli, miglior marcatore interno sino a questo momento degli azzurri, con tre gol in due partite, tra Verona e Monza: un esordio con il botto, in attesa di poter abbracciare la sua famiglia, e la sua dolce metà che, per adesso, sente costantemente solo in lunghe videochiamate, al termine delle sedute di allenamento.

Pallone e Georgia nel cuore di Kvara, reduce da due partite senza gol, nel suo veloce apprendistato del calcio all’italiana. Con un vicino di casa polacco che gioca nel Benevento, il difensore Glick. E con il compagno di squadra Amir Rrhmani che abita, a poche manciate, tra Monterusciello e Quarto. Di Lucrino, in zona laghi flegrei, verso Bacoli, è originario il terzo portiere Davide Marfella, invece, che è vicino di casa di Alex Meret. Non è una wag da calcio moderno la sua fidanzata, bensì l’umile Nitsa Tavadze che ha cancellato tutti i suoi profili social da quando è scattata la scalata al grande calcio moderno del suo Khvicha, che fa parte così della folta schiera dei componenti del gruppo di lavoro del Napoli, che non ha scelto la city partenopea per vivere.

Il preparatore atletico Sinatti abita nella zona alta del centro storico di Pozzuoli: il resto dello staff di Spalletti tra Licola e Varcaturo, mentre il mister vive ancora in albergo. Ne restano in pochi a Posillipo, lo stesso Osimhen si starebbe trasferendo tra Varcaturo e Lago Patria. Raspadori e compagna hanno detto si alla Varcaturo di Zielinski, capitan Di Lorenzo e Lobotka, lì dove prima si scorgevano anche Mario Rui e il direttore sportivo Giuntoli, che hanno rimpinguato “la rosa” di quelli di Posillipo, con il dirigente di Fiesole che spesso si intercetta nei suoi pomeriggi tra jogging e passeggiate in bicicletta.

È sempre dal capoluogo dei Campi Flegrei, dal Grand Hotel Serapide di via San Gennaro, partiranno gli azzurri nella serata di mercoledì alla volta dello stadio “Maradona” dove affronteranno nel primo turno di Champions League il Liverpool di Jurgen Kloop.

ADV ADV ADV

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.