AttualitàComuni FlegreiIn EvidenzaPoliticaPozzuoli

Bradisismo, Pozzuoli ORA: “Il 30 giugno per gli sfollati l’ordine è tutti fuori!”

In merito all’emergenza bradisismo e sulla condizione degli sfollati dopo le scosse del 20 maggio, il movimento politico “Pozzuoli ORA” è intervenuto con una nota stampa contro la decisione di far lasciare gli alberghi entro il 30 giugno alle famiglie sgomberate.

“La settimana scorsa è stato annunciato l’arrivo del sostegno per l’autonoma sistemazione agli sfollati sottoforma di contributo economico proporzionato al nucleo familiare richiedente. Certamente una buona notizia visto che non si è stati in grado di garantire sistemazione in albergo per tutti coloro che ne avevano bisogno e soprattutto idonea rispetto alle necessità di spostamento e lavoro.

Quella salutata come una grande vittoria non è certamente sufficiente e soprattutto non tiene conto delle condizioni che attualmente impone il mercato dei fitti: nonostante la crisi bradisismica gli importi richiesti restano elevati, ma ancor di più la durata di sei mesi prevista in molte occasioni non rappresenta un’adeguata garanzia per i proprietari che quindi rifiutano il fitto alle famiglie sfollate.

C’è dell’altro a peggiorare la situazione e ad aumentare la precarietà delle condizioni di vita degli sfollati. Il 30 giugno l’ordine è “TUTTI FUORI”. I cittadini attualmente collocati presso strutture alberghiere sono stati informati che dovranno lasciare l’attuale sistemazione tra soli nove (!) giorni.    

Probabilmente chi sta gestendo queste operazioni non ha mai dovuto cercare una casa in fitto e non conosce le difficoltà. Non è certamente accettabile che, in una situazione del genere, le Istituzioni deleghino le risoluzioni dei problemi ai rapporti tra privati”.

*Pozzuoli News 24 è anche su Whatsapp. E’ sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati.

ADV ADV ADV

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.