AttualitàBacoliComuni FlegreiMonte di ProcidaPozzuoliPrimo PianoQuarto

35 scosse registrate tra Solfatara e Pisciarelli: così Pozzuoli ritorna a tremare

Uno sciame sismico in piena regola è quello che è stato registrato questa notte dai sismografi dell’Osservatorio Vesuviano. Le stazioni sismiche della sezione napoletana dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia hanno infatti rilevato ben 35 scosse.

Le prime tre a partire dalle tre di notte, tutte con una magnitudo compresa tra 0.1 e 0.3 gradi della scala Ritcher. Successivamente, quindici eventi sismici sono stati registrati tra le quattro e le cinque di mattina. Ed è proprio nel corso di questo intervallo di tempo che si sono verificate le scosse più intense. Si va da una magnitudo di 2.0 gradi alle 04:16, ad una di 1.6 delle 04:26, per passare poi alle 04:41, quando i sismografi registrano una magnitudo di 2.5 gradi della scala Ritcher. Passano meno di venti minuti e alle 04:59 viene registrata la scossa più forte, con una magnitudo di 3.1 gradi della scala Ritcher. A queste fanno seguito, fino alle sette del mattino, altre diciassette scosse. Sciame bradisismico con epicentro tra la Solfatara e Agnano Pisciarelli. Zone queste particolarmente attive per quanto riguarda le attività delle fumarole.

Scosse avvertite distintamente dalla popolazione flegrea e che ha generato paura tra la stessa, al punto che non sono mancati casi in cui le persone sono scese per strada.

Per quanto riguarda la zona di Agnano Pisciarelli è da segnalare, inoltre, che a seguito della pubblicazione, nei giorni scorsi, di un video sui social relativo all’area fumarolica di Pisciarelli che riportava notizie allarmistiche prontamente smentite dalla sezione INGV-OV di Napoli, il Comune di Pozzuoli con apposita ordinanza sindacale, ha intimato ai proprietari dell’area in questione, di apporre tutte le misure per garantire un’efficace messa in sicurezza dell’intero sito.

Tag

Articoli Correlati

Back to top button
error

Clicca sull'icona per seguirci su Facebook!

Close

Adblock Rilevato

Il sito si sostiene attraverso le pubblicità. Per favore, considera di disattivare l'Adblock per consentirci di continuare a fornire contenuti gratuitamente.